Il Contratto di Fiume del torrente Pesa rientra tra le strategie della visione "ambiente sicuro" - "terre del benessere" del piano strategico metropolitano di Firenze (visita il sito dedicato).
Esso assume come obiettivo strategico la realizzazione di un programma di attività ed interventi di interesse comune, concernente l’ambito territoriale del bacino del torrente Pesa, sul quale concentrare interventi afferenti a diverse politiche integrate reciprocamente. In particolare è diretto a realizzare le strategie e gli obiettivi di seguito specificati, quali: 

RISORSA IDRICA

Obiettivo
Attivare forme coordinate di pianificazione e promuovere il riconoscimento del Cdf all’interno delle strategie regionali, della Città metropolitana, della Provincia di Siena e dei Comuni

Strategia
Il progetto integrato di equilibrio idraulico, idrogeologico e geomofologico del bacino e del buon uso della risorsa acqua:

- Mirare alla sostenibilità e all’autosufficienza idrica del bacino idrografico del torrente Pesa
- Gestire il rischio idraulico e la regolazione idrogeomorfologica

 

PARCO FLUVIALE AGRO-AMBIENTALE MULTIFUNZIONALE

Obiettivo
Garantire l’informazione e la partecipazione delle comunità locali nelle diverse fasi de Cdf per la produzione sociale dei paesaggi fluviali

Strategia
Il Parco fluviale agro-ambientale multifunzionale dei paesaggi della Pesa:

- Valorizzare il patrimonio ambientale: la qualità e la funzionalità ecologica degli ecosistemi fluviali
- Valorizzare il patrimonio storico culturale: la qualità del paesaggio per il mantenimento e riprodurre i caratteri fondativi locali dei territori di bacino
- Promuovere il bacino della Pesa come sistema connettivo per la fruibilità attraverso la definizione di un piano della mobilità dolce e potenziare l’offerta turistica
- Valorizzare la multifunzionalità dell’agricoltura Il PC-CDF impegna i suoi sottoscrittori, che vi aderiscono su base volontaria, al raggiungimento degli obiettivi di cui sopra, ciascuno per le proprie competenze e responsabilità e mediante l’impegno delle proprie disponibilità umane e finanziarie, fatti salvi i compiti specifici individuati dai successivi articoli per ciò che riguarda l’attuazione delle singole azioni