L'ultimo incontro sul Contratto di Fiume del torrente Pesa si è tenuto lunedì 13 luglio 2015 alle ore 16,30 presso la nuova sede operativa del Consorzio in Via del Virginio, 150 - loc. Baccaiano (Montespertoli). Numerose le presenze, sia istituzionali con quasi tutti i Comuni del bacino della Pesa rappresentati che associative con nuovi soggetti partecipanti. Il grande caldo ha certamente rallentato i lavori previsti, che si sono limitati alla presentazione e condivisione del percorso per la firma della prima bozza del Manifesto d'intenti, alla presentazione del lavoro svolto da Paolo Gennai, Direttore scientifico del sistema museale della Valdelsa in collaborazione con il Comune di Montespertoli sulla rete sentieristica della Pesa e alla relativa discussione sulla natura della rete infrastrutturale per la percorribilità della valle.

I risultati della riunione possono essere così riassunti:

- condivisione dell'impegno da parte di tutte le qualificate rappresentanze delle Amministrazioni Comunali presenti e delle associazioni a sottoscrivere il Manifesto d'intenti. A tale proposito sarà resa disponibile a breve la bozza con le ultime eventuali modifiche e integrazioni del Manifesto e una relativa bozza di delibera per l'approvazione e l'adesione.

- condivisione dell'impegno a raccogliere, organizzare e inviare al Consorzio informazioni relative alla percorribilità della valle della Pesa, con primario riferimento alle viabilità di uso pubblico, al fine di acquisire una mappa delle infrastruttre viarie dell'intera vallata come primo obiettivo concreto del processo verso un Contratto di Fiume per la Pesa.

Nel prossimo incontro, senza ulteriore indugio, si dovrà procedere alla fase di lavoro di approfondimento mediante tavoli di discussione alla presenza di facilitatori, dove verranno specificati e individuati su mappa i temi emersi nei primi incontri:
1) Riduzione rischio idraulico, manutenzione opere e fasce riparie;
2) Fruibilità, parchi fluviali, piste di servizio e/o pedociclabili;
3) Riqualificazione ambiente fluviale, tutela ambientale, qualità delle acque e risorsa idrica;
4) Valorizzazione culturale e turistica, comunicazione, didattica.